Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

seguici su ...

In evidenza

Articoli recenti

Ascolta ...

logoRadioValentina

Login

duomo.borgia

Borgia è un Comune di 7442 abitanti della Provincia di Catanzaro.

Il nome della cittadina è legato alla celebre famiglia Borgia, che ebbe tra i suoi esponenti Alessandro VI, Cesare e Lucrezia. Il fretello minore di questi ultimi, Goffredo, fu insignito del titolo di Principe di Squillace.

Il centro storico dista circa 27 km dal capoluogo, al quale è collegato mediante due strade, la provinciale e la strada statale 106. Presenta le frazioni di Donnantona, Vallo e Roccelletta. Il nucleo dell'abitato sorge su un altopiano collinare a 341 m s.l.m.: dista poco più di 10km dal mar Jonio.

L'agglomerato urbano, che sta conoscendo una fase di rapida espansione, è attraversato da due principali corsi, Mazzini e Matteotti, e da strade parallele e regolari. Interamente ricostruito dopo il drammatico terremoto del 1783, oggi è un centro ricco di palazzi nobiliari, monumenti, chiese e sculture antiche. I luoghi di principale interesse sono Villa Pertini, Piazza del popolo e Piazza Ortona, nella quale si può ammirare il duomo del 1852 dedicato a San Giovanni Battista e il monumento dedicato ai caduti di guerra.

giro2

La zona marina si estende per circa 6 km., con spiagge di sabbia bianca. È qui che si possono ammirare i resti della imponente basilica di Santa Maria della Roccella e i resti del teatro e dell'anfiteatro della colonia romana di Scolacium, immerso in una folta e suggestiva vegetazione di ulivi secolari.*

L'amministrazione comunale è attualmente guidata dal sindaco Ing. Francesco Fusto.

* Fonte: Wikipedia

 

amato

Le sue origini sono collegabili alla fine del tardo-medioevo, quando gli arbereshe lasciando la propria terra. Fondato forse dai profughi dell'antica Lametia,  appartenne nei sec. XV-XVI alla famiglia Rodio. Nel Cinquecento fu acquistato da Antonio Donato Mottola, Barone di Joppolo, Coccorino e Monterosso. I Mottola detennero il paese sotto la loro giurisdizione fino al 1811. Ad Amato rimane Il palazzo dei Mottola, in parte distrutto e in parte adibito ad abitazione, conserva tracce di architettura secentesca (1)

La popolazione residente, al 31.12.2014, è di 840 abitanti.

L'attuale sindaco di Amato è il dott. Saverio Ruga.

(1) Wikipedia